sei in: Bessarabia >

Dove si trova la Bessarabia?

 

La Bessarabia in Europa
La Bessarabia in Europa

la Bessarabia (Besarabya in turco, Besarabyain rumeno, Бессарабія in ucraino, Бессарабия in russo, Бесараби in bulgaro), conosciuta come Dacia all’inizio del I° secolo a.C., è una regione storica dell'Europa sud-orientale ad est della Romania.

I suoi confini naturali sono il fiume Prut ad occidente, il fiume Dnestr ad est ed a sud il Delta del Danubio ed il Mar Nero. A nord la Bessarabia è delimitata dalla Bucovina.

 

i Carpazi Orientali in Romania
i Carpazi Orientali in Romania

Per la sua posizione geografica la Bessarabia ebbe un ruolo importante per molti popoli, come terra di transito, per raggiungere i Balcani e i Carpazi orientali e ha il dubbio vantaggio del Delta del Danubio. Il Danubio è il più grande fiume navigabile in Europa centrale ed orientale sul quale navigano per commerciare la Baviera, l'Austria, la Boemia, l'Ungheria, la Serbia, la Romania e la Bulgaria.

la fortezza di Akkerman
la fortezza di Akkerman

Anche il Nistro, lungo 1.352 km, di cui solo 500 km navigabili, svolge un ruolo importante nel trasporto di prodotti agricoli come cereali, legumi, semi di girasole, bestiame e legname. Sulle sue rive si trovano i porti di Chotyn, Bender (Tighina) e Akkerman1 (Belgorod-Dnestrovski), che sono i più vicini mercati di smercio verso la Polonia, l'Ucraina e il Mar Nero.

Per molti secoli la Bessarabia fu una regione cuscinetto tra le grandi potenze Austria, Russia e l'Impero Ottomano.

la Bessarabia dal 1812 al 1940
la Bessarabia dal 1812 al 1940

La sua denominazione territoriale nacque nel 1812 quando, dopo l'8^ guerra russo-turca, la parte orientale del principato di Moldavia dovette cedere il potere di quel territorio all'Impero Russo.

 

La Bessarabia ha una lunghezza di 450 km, una larghezza media di 100 km e una superficie è di circa 45.000 km2.

La Bessarabia settentrionale è una propaggine dei Carpazi; un altopiano il cui livello sul mare è di circa 400 metri. La vegetazione principale consiste in querce e faggi.

Anche nella Bessarabia centrale, fino a Bender (Tighina ) si trovano foreste di querce e faggi. Da Bender in poi si arriva gradualmente nella steppa della Bessarabia meridionale.

Budjak
Budjak

Questa parte del paese, l’area d’insediamento reale dei tedeschi, fu chiamato dai rumeni Tataria o Bugeac (Budjak dal tartaro: angolo, triangolo) o la steppa della Bessarabia. Il triangolo si forma collegando con una linea i paesi di Bender (Tighina), Akkerman (Bilhorod Dnistovs'kyy) e Izmail.

Il territorio del Budjak è fatto di colline appena ondulate e si trova a circa 200 metri sul livello del mare. In origine questa parte di territorio era coperto dalla fitta ed altissima erba della steppa. I boschetti di acacia erano stati impiantati successivamente dai coloni.

 

L'origine del nome “Bessarabia”

Basarab I
Basarab I
fondatore del principato di Valacchia

Il termine "Bessarabia" (rumena: Basarabia), secondo i rumeni, deriva dalla Casa valacca dei Basarab, che presumibilmente regnò nella parte meridionale di questa zona nel 14° secolo. La casta nobile dei Basarab inizialmente sarebbe stata al servizio dei tartari2 dell'Orda d'Oro3, come gabellieri (termine storico per doganiere) ed esattori delle tasse nei passaggi del Danubio.

 

In origine, solo la parte meridionale della Bessarabia venne chiamata Terra Bassarabum che corrisponde all'incirca al Budjak (dal tartaro: angolo, triangolo).

Secondo altre fonti la Bessarabia avrebbe ottenuto il suo nome dalla tribù tracia dei Bessi, che immigrarono in questa zona nel 7° secolo.

Gli ottomani furono i primi che chiamavano questa terra "Besarabya", dopo essersi stabiliti lì militarmente dal 1484 al 1538.

 

La Bessarabia attuale

la Bessarabia oggi
la Bessarabia oggi

Dopo la seconda guerra mondiale il nome della Bessarabia fu cancellato dalla carta geografica. La Bessarabia settentrionale e centrale oggi appartiene quasi totalmente all’attuale Moldavia, con esclusione dell’area nord, intorno a Chotyn, che appartiene all ’Ucraina. La parte meridionale, detta Budjak e nota anche come "Bessarabia storica", dove sono nati i miei genitori, appartiene totalmente all'Ucraina.

 

barra

indietro 1 avanti

1 Akkerman = una delle più antiche città del mondo, fu fondata nel 600 a.C. dal popolo ellenico degli Ioni; i Fenici la chiamarono Ophiussa, i Greci Makaphon e, dal 400 a.C. prese il mome di Tyras dal fiume omonimo. In epoca romana era conosciuta come città di Alba Julia, le tribù slave la chiamavano Belgorod (città bianca). Dal 10° secolo erano noti i nomi di Maurocastro e Aspocastro, i Kumani chiamavano la città nel 12° secolo con il nome di Barmunia e AK-libo. Alla fine del 1° secolo ha avuto il nome Moncastro o Malvocastro. Sotto i Principi moldavi la città venne chiamata Cetatea Albă (cittadella bianca) ed apparteneva ad una cintura di difesa contro le incursioni dei Mongoli. Nel 1484, dopo la conquista da parte dell’esercito turco, venne chiamata Akkerman (aq = bianco e kerman = città). Dopo che la Bessarabia venne annessa alla Romania (1918) la città riprese di nuovo il suo nome moldavo: Cetatea Albă. Oggi è una città dell’Ucraina ed è chiamata Bolgorod Dnjestrowski.

2 Tartari = dal greco tartaros: „quelli che vengono dall'inferno“; popolazione di origine turca proveniente dall'Asia centrale e dalla Siberia. Dopo essere stati sottomessi dai mongoli, i tatari invasero parte dell'Europa nel corso del XIII secolo. Guidati da Batu Khan, nipote di Gengis Khan, fondarono nel XIII secolo il khanato dell'Orda d'Oro, un vasto impero che governò gran parte delle regioni russe e giunse a controllare anche alcune regioni dell'Europa orientale (Carpazi, Bulgaria, Polonia). Con la disgregazione dell'Orda d'Oro, nel XV secolo, nacquero alcuni khanati indipendenti (Kazan, Astrakhan, Sibir e Crimea). Nel XVI secolo i primi tre khanati furono conquistati dallo zar Ivan IV e nel 1783 anche la Crimea, ultimo stato tataro, fu annesso all'impero russo.

3 Orda d'Oro = denominazione per i guerrieri mongoli e turchi che invasero l'Europa orientale; ma anche il nome di un regno storico dell'Impero Mongolo situato nell'Europa orientale e nella Siberia occidentale che Batu Khan fondò sulle rive del Volga nel 1251. Nel 1237 l'Orda d'Oro attraversò il fiume Ural e arrivò al centro del Principato Russo conquistando, saccheggiando, uccidendo e incendiando. Mosca e Kiev sono state praticamente rase al suolo e la popolazione massacrata. L'orda d'oro dominò quella che attualmente è la Russia meridionale fino alla fine del 15° secolo. Dalla Russia l'Orda d'Oro si spinse fino alla Polonia, la Slesia e l'Ungheria.

Ultimo Aggiornamento:
Creative Commons Appropriate credit-NonCommercial 3.0
2007 - 2017
CSS validoHTML valido