sei in: Bessarabia > la Bessarabia multietnica > gli ebrei della Bessarabia > Gli ebrei nel Sacro Romano Impero

Gli ebrei nel Sacro Romano Impero

(parte 2 di 3)

a differenza della stragrande maggioranza della popolazione cristiana, quasi tutti gli ebrei, uomini e donne, sapevano leggere e scrivere. Alcuni parlavano anche diverse lingue.

Carlo Magno
Carlo Magno

Ma erano anche consiglieri importanti alla corte dei Principi e quindi erano un fattore importante nella società dei ceti del medioevo.

Carlo Magno, per esempio, prese tra i suoi inviati un ebreo di nome Isaac che mandò a Gerusalemme ed a Baghdad.

 

Poiché gli ebrei erano legalmente vulnerabili, chiesero a Carlo Magno e a suo figlio Ludovico il Pio, lettere di protezione che vennero concesse sempre solo a singoli ebrei o a singole comunità, mai all'intero gruppo sociale.

 

Carlo Magno, che nell'800 fu incoronato Imperatore del Sacro Romano Impero, apprezzava il loro potere economico e, pertanto, offrì loro una protezione2 giuridica speciale per la quale dovevano annualmente pagare al Re un decimo dei loro profitti commerciali:

".... possono vivere secondo la loro legge ebraica, sono protetti dai battesimi forzati, possono disporre liberamente della loro eredità e della loro proprietà; i loro servi pagani non devono essere tolti da loro con il battesimo; possono tenere servi cristiani, a condizione che non li inducano ad agire contro la loro fede; possono acquistare o vendere all'interno dell'Impero, e sono esonerati da dazi doganali, tasse e altri oneri connessi al commercio; il loro status giuridico dinanzi al tribunale cristiano non è discriminatorio ".

(Bernd Martin, Ernst Schulin: Die Juden als Minderheit in der Geschichte, Deutscher Taschenbuch Verlag, 1985, München, S. 59;

 

Inoltre erano autorizzati a prestare denaro con gli interessi (usura), cosa che ai cristiani era proibita:

"Allo straniero potrai prestare a interesse, ma non al tuo fratello; affinché l’Eterno, il tuo Dio, ti benedica in tutto ciò a cui porrai mano, nel paese dove stai per entrare per prenderne possesso. Quando avrai fatto un voto all’Eterno, al tuo Dio, non tarderai ad adempirlo; poiché l’Eterno, il tuo Dio, te ne domanderebbe certamente conto, e tu saresti colpevole;"

Deuteronomio 23,20-21;

 

Sotto il patrocinio di Carlo Magno si verificò la fondazione di numerose comunità ebraiche, tra le quali Metz, Treviri, Magdeburgo e Praga. Poiché gli ebrei, come minoranza, per la loro protezione praticavano una stretta coesione della comunità, nacquero nelle grandi città i quartieri ebraici, ed in quelle più piccole i vicoli ebraici.

Ludovico il Pio
Ludovico il Pio

Il figlio di Carlo Magno, Ludovico il Pio, per la tutela dei diritti degli ebrei, presso la sua corte creò la carica di ldquo;Magister Judaeorum” che assegnò ad un ebreo.

Anche il documento del 965 rilasciato dall'Imperatore Ottone il Grande, sottolineò l'importanza degli ebrei nella vita economica e garantì il libero commercio senza tasse doganali “......agli ebrei e agli altri commercianti.......”.

 

 

barra

indietro 1 2 3 avanti

1 Gerusalemme, dai cristiani, dagli ebrei e dai musulmani, viene considerata come città santa. Per tutte e tre le religioni, Gerusalemme è stata il luogo d'azione dei vari profeti come, Abramo, Salomone, Davide, Zaccaria e altri. Luoghi come il Monte del Tempio, da sempre sono molto discussi e causa di conflitti.

2 Privilegi ebrei di protezione = ripetutamente gli ebrei, come gruppo o solo alcuni, venivano "privilegiati ", in particolare dai re e imperatori Franchi e romani , ma anche dai vescovi. Gli vennero rilasciati dei certificati con i quali ottenevano “protezione”.
I privilegi ebrei di protezione più importanti del Medioevo erano:
la lettera di protezione (Praeceptum Iudeorum) dell'imperatore Ludovico il Pio per il rabbi Domatus e suo nipote Samuele (prima del 825);
la lettere di libertà del vescovo di Spira Rüdiger Ho(u)tzmann per gli ebrei di Spira del 1084;
il privilegio dell'imperatore Enrico IV per gli ebrei di Spira nel 1090;
il privilegio dell'imperatore Federico I Barbarossa per gli ebrei di Worms del 1157 (era una ripetizione quasi letterale del privilegio per gli ebrei di Spira);
il privilegio di Federico II per gli ebrei nel loro complesso del 1236.

Ultimo Aggiornamento:
Creative Commons Appropriate credit-NonCommercial 3.0
2007 - 2016
CSS validoHTML valido