sei in: Bessarabia > Gli insediamenti tedeschi

Gli insediamenti tedeschi in Bessarabia

 

nel contesto della colonizzazione di Russa, il territorio compreso tra i fiumi Prut e Nistro, che dal 1812 era passato dall’Impero Ottomano a quello Russo, è stato obbiettivo di una politica di insediamento sistematica.

Le province della Bessarabia
Le province della Bessarabia

Sino al 1940 la Bessarabia era formata da 9 distretti (Akkerman, Belz, Bender, Hotin, Ismail, Kahul, Kischinew, Orhei e Soroka) e da 17 parrocchie (Alt-Elft, Alt-Posttal, Andrejewka, Arzis, Bender, Eigenfeld, Emmental, Gnadental, Kischinew, Klöstitz, Kulm, Leipzig, Mathildendorf, Neu-Posttal, Neu-Sarata, Sarata und Tarutino)

La prima ondata di immigrazione nel 1814 era formata prevalentemente da protestanti, provenienti dal Meclemburgo, dalla Pomerania e dalla "Prussia Polacca". Questi ultimi si erano già trasferiti nella "Prussia Polacca" dopo la prima spartizione della Polonia del l772 e provenivano dal Wirtemberg e dal Baden, dopo aver sofferto economicamente durante l’epoca napoleonica e per il fatto che, in campo religioso, non trovavano una patria.

Regno del Congresso
Regno del Congresso

 

la fortezza Akkerman I primi insediamenti sono stati quelli della provincia di Akkermann1.

Gli insediamenti erano strettamente separati in base alle confessioni cristiane [quasi tutte erano di confessione Evangelica Luterana, con esclusione di Schabo, che era riformata2, 6 insediamento cattolici: Krasna (1814), Demir-Chadschi (1860), Mintschuna (1868), Emmental (1886), Balmas (1887), Neu-Borodino (1920) e 7 battiste: Friedenstal (1834), Seimeny (1867), Kantemir (1886), Mariewka (1892), Kamtschtka (1893), Hantscheschti (1898), Kisil (1909)]. Raramente, vi erano insediamenti misti.

 

barra

indietro 1 avanti

1Akkerman = una delle più antiche città del mondo, fu fondata nel 600 a.C. dal popolo ellenico degli Ioni; i Fenici la chiamarono Ophiussa, i Greci Makaphon e, dal 400 a.C. prese il nome di Tyras dal fiume omonimo. In epoca romana era conosciuta come città di Alba Julia, le tribù slave la chiamavano Belgorod (città bianca). Dal 10° secolo erano noti i nomi di Maurocastro e Aspocastro, i Kumani chiamavano la città nel 12° secolo con il nome di Barmunia e AK-libo. Alla fine del 1° secolo ha avuto il nome Moncastro o Malvocastro. Sotto i Principi moldavi la città venne chiamata Cetatea Albă (cittadella bianca) ed apparteneva ad una cintura di difesa contro le incursioni dei Mongoli. Nel 1484, dopo la conquista da parte dell’esercito turco, venne chiamata Akkerman (aq = bianco e kerman = città). Dopo che la Bessarabia venne annessa alla Romania (1918) la città riprese di nuovo il suo nome moldavo: Cetatea Albă. Oggi è una città dell’Ucraina ed è chiamata Bolgorod Dnjestrowski.

2Chiesa riformata (anche: Chiesa evangelica-riformata): comunità ecclesiastica che risale alla Riforma di Ulrico Zwingli e Giovanni Calvino (calvinismo) e che è diffusa soprattutto in Svizzera, in Scozia, in alcune parti della Germania, in Francia, in Ungheria e negli Stati Uniti (presbiteriani).

Ultimo Aggiornamento:
Creative Commons Appropriate credit-NonCommercial 3.0
2007 - 2016
CSS validoHTML valido